Dungeon Lords. Tirannie spezzate

Blu: Alex Isabelle
Rossa: Laura Beltrami
Giallo: Luca Orlandini
Verde: Lucia Neviani

Altro weekend, altra partita a Dungeon Lords. Anche stavolta senza espansione, perché avevamo la Lucia come giocatrice novella. Si è fatta demolire mezzo dungeon ma oh, alla prima partita succede.

Un gruppo composto da un paladino OP, un chierico
e due maghi di livello estremo si appresta ad invadere
il dungeon giallo.

L'eroe di qualche partita fa, Orla, si è fatto fottere da unl paio di errori in fase di progettazione, che hanno seriamente minato la sua capacità di resistere alle orde di eroi. Alla fine è sempre riuscito a cavarsela, ma vedendosi conquistare diverse stanze nel frattempo.

Il sottoscritto ha puntato tutto sulla creazione di un dungeon organizzato militarmente: di medie dimensioni, concentrato, pieno di stanze in cui combattere con più mostri alla volta. Ad una certa si erano guadagnati talmente tanti punti cattiveria che s'è constatato che non vi fosse più ritorno. Premuto l'acceleratore sull'autostrada della violenza, per la prima volta ha fatto il suo ingresso nella partita il paladino, nella sua incarnazione più potente. Sono riuscito ad abbatterlo, e contavo sulla potenza del mio golem per eliminare i potenti maghi al suo seguito, in assenza di altri mostri che non ero riuscito a mettere sotto contratto. Questi ultimi però hanno risposto con un arsenale di magie apparentemente studiato a tavolino per metterlo fuori uso. Dopo averlo distratto con un eroe illusorio lo hanno trasformato in una capra e buttato ko, procedendo quindi a conquistarmi mezzo dungeon.

Il paladino decaduto.

La Laura invece ha proposto un dungeon ramificato e popolato di streghe, vampiri e fantasmi, una roba che per mantenerla senza schizzare fuori strada sul cattivometro doveva fare, ogni turno, mosse per abbassare il suo livello di cattiveria. Si è attrezzata con la stanza che potenzia vampiri e streghe e ha fatto una carneficina.

La sua gestione oculata del dungeon ha vinto, anche se di poco, sugli impeti distruttivi del mio dungeon. Nel conteggio finale era avanti di me di un solo punto, un nonnulla che avrei potuto pareggiare se non fosse stata per una serie di piccoli colpi di sfiga. Ma tant'è, la nave del fallimento naviga su mari di scuse.

Di conseguenza la Laura vince la sua prima partita contro di me. Mi ha messo qui sul divano a fare questo post perché voleva il riconoscimento pubblico. Adesso si sente una grande perché finalmente ha la prova di essere in grado di giocare bene. Ma dite, starebbe provando questi piaceri se io non l'avessi pestata unilateralmente per mesi su tutti gli altri giochi? Chissà. Fatto sta che adesso è qua che se la tira e bisogna organizzare subito un'altra partita per farle abbassare la cresta sennò non se ne esce.

Vuoi leggere altri racconti? Clicca qui per l'elenco completo.

Il temibile mago con 6 punti ferita, che qui è stato gestito agevolmente data l'assenza di guerrieri davanti a lui, ma che nella scorsa partita ha combinato un macello.

Il dungeon rosso, protetto da due streghe ed un pipistrello.

Il conteggio finale.

Commenti

Post popolari in questo blog

Brotherhood & Unity. La sacca di Sarajevo

The Mission. Dei copti e della loro naturale tendenza verso l'eresia (parte 1 di 6)

The Mission. Dei copti e della loro naturale tendenza verso l'eresia (parte 3 di 6)