Space Empires. Razziatori dello spazio

Razziatori di Vasyr: Alex Isabelle
Rossi di Altair: Laura Beltrami

Da una parte i razziatori di Vasyr, dall'altra i rossi di Altair. Due popoli provenienti da sistemi solari lontani, accomunati da una cosa: l'interesse a fare del loro pianeta la capitale di un impero stellare. Pur se separati dalle insidie dello spazio profondo, è stato chiaro fin da subito che soltanto uno dei due avrebbe potuto regnare su questo settore della galassia. La pace non sarebbe mai stata un'opzione.

La fase iniziale del gioco ha visto un'espansione molto rapida da parte dei razziatori, che hanno prodotto rapidamente una gran quantità di navi colonizzatrici, spedendole in giro per il loro settore per prendere il controllo dei pianeti. I rossi, invece, hanno optato per un approccio più cauto, occupandosi in primo luogo della raccolta di minerali, colonizzando i pianeti più lentamente, e sviluppando fin da subito le tecnologie militari.

Due approcci completamente diversi, che sono rapidamente giunti ad un confronto, anche se non ad uno scontro aperto, nel momento in cui il popolo di Vasyr, esplorato ormai gran parte del proprio settore, ha pensato di affrontare lo spazio profondo, incappando in una serie di buchi neri ed altre forme di disgrazie che hanno disperso più di un equipaggio, ma che gli hanno permesso di raggiungere appena prima degli avversari il pianeta Omikron, situato proprio nel settore nemico. Un'aperta dichiarazione di guerra.

I rossi, non prevedendo una vittoria assicurata contro questa pur sparuta avanguardia vasyriana, si sono limitati ad occupare l'adiacente pianeta Cerberus. Per svariati anni le colonie su Omikron e Cerberus sono quindi prosperate e le flotte su di esse si sono gonfiate. Su Omikron se la sono presa un po' più scialla, perchè nel frattempo dall'altra parte del settore si andava preparando una seconda offensiva, pensata come un'avanzata diretta verso il cuore dei rossi, il pianeta Altair. Ad una certa, la flotta di Cerberus ha quindi pensato di partire all'attacco. Si è giunti perciò alla prima battaglia per Omikron, primo scontro aperto tra le due potenze. I rossi hanno fatto un certo vanto della propria tecnologia superiore, devastando la flotta vasyriana, senza tuttavia riuscire a sfondare le terribili basi difensive poste a difesa del pianeta. Constatando che quest'avanzata si sarebbe tradotta in un nulla di fatto gli ufficiali rossi hanno pensato di fare un temporaneo dietro-front, ritirandosi su Cerberus.

Da qui, sono accadute due cose. Su Cerberus la flotta ha ripreso a crescere, mentre su Omikron sono state ricostruire delle difese poco superiori a quelle iniziali. È stato inoltre occupato il vicino pianeta di Fionn, un'ulteriore smacco alla sovranità dei rossi, oltre che un ulteriore occasione per drenare risorse utili alla causa vasiriana. Al contempo, sul versante opposto del settore i razziatori andavano ad esplorare lo spazio profondo, cercando una strada diretta verso Altair, trovandola in un paio di sistemi dominati dal grande pianeta deserto Abaddon. Dopo aver sviluppato le tecnologie necessarie alla sua terroformazione, esso è stato colonizzato e trasformato in una seconda testa di ponte per l'invasione dei sistemi sottoposti al dominio rosso.

Ad una certa la direzione centrale rossa ha pensato di averne abbastanza, ed è partita in gran carriera con la flotta di Cerberus; destinazione: Omikron. La seconda battaglia di Omikron è stata effettivamente un macello generale, al termine dei quali gli incrociatori rossi sono riusciti, come unici sopravvissuti della loro flotta, ad eliminare i temibili cannoni della base difensiva del pianeta, così come il suo spazioporto, tutti i suoi difensori e pure un paio di navi civili. C'è voluto un altro anno di bombardamenti per eliminare completamente la colonia dei razziatori. Subito dopo, tuttavia, questi ultimi hanno aperto i giochi dall'altra parte della mappa, cominciando a dimostrare il motivo del proprio nome. Essi hanno eliminato alcuni vecchi modelli d'incrociatore dei rossi, andando poi a bombardare il vicino pianeta Vortigen per circa un annetto, eliminando a loro volta questa colonia, per poi scappare rapidamente in direzione di un altro pianeta, dove hanno compiuto ulteriori massacri prima di rientrare verso Abaddon, dove si andava preparando l'offensiva finale.

Qui i rossi hanno infine cominciato ad evidenziare i problemi del loro progetto economico. Se da un lato la veloce ricerca in ambito militare aveva dato loro un vantaggio sufficiente ad evitare uno scontro aperto, e a vincere piuttosto agevolmente la battaglia più devastante del gioco, il loro minor numero di colonie non è riuscito a supportare il peso della tarda campagna militare. Vessati dai crescenti costi di manutenzione delle navi e dalle crescenti razzie da parte dei vasyriani, essi hanno dovuto osservare pressochè inermi l'arrivo di un'enorme flotta dominata da due dreadnaught dei razziatori. Grazie alle importanti ricerche compiute nell'ambito della propulsione interstellare nel corso dei decenni precedenti queste navi sono partite da Vasyr, sono passate per Abaddon, dove hanno trovato altre navi poco meno potenti ad attenderle, e hanno proseguito verso Altair, raggiungendolo e spaccando tutto in un unico attacco diretto pressochè imprevenibile.

Dopo un solo anno di bombardamenti continui la capitale rossa è stata distutta, e il dominio di Vasyr è divenuto incontrastato nell'intero settore galattico.

Vuoi leggere altri racconti? Clicca qui per l'elenco completo.







Commenti

  1. Sarebbe bello se le vostre partite fossero riprese e pubblicate su youtube. Anche perché il pubblico italiano non prende questi grandi giochi per il fatto che sono in inglese....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È vero, e mi piacerebbe farlo. Tuttavia la cosa richiede di avere più telecamere. Ne ho una molto buona ma è, appunto, soltanto una. Va anche detto che verrebbero filmati di durata esagerata, a meno di impegnarsi in un taglia-e-cuci piuttosto impegnativo.

      Tempo fa mi ero messo a fare dei timelapse. Quello di Hannibal ebbe un discreto successo: ci fu chi si impegnò per esporlo in una mostra temporanea di Budapest dedicata ai giochi da tavolo. Alla fine l'ala dei wargame a quella mostra è saltata.

      https://www.youtube.com/watch?v=sLj_uigk5hE

      Facendo altri timelapse tuttavia mi resi conto che venivano bene solo in quei giochi dove le pedine erano belle grosse e numerose. Ne feci uno di Labyrinth ma già quello non venne un granchè, per dire.

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Brotherhood & Unity. La sacca di Sarajevo

The Mission. Dei copti e della loro naturale tendenza verso l'eresia (parte 1 di 6)

The Mission. Dei copti e della loro naturale tendenza verso l'eresia (parte 3 di 6)